Versione stampabile | pubblicato il 21 giugno 2018

Le scadenze per gli iscritti Inarcassa

30 giugno 2018: Versamento della prima rata dei contributi minimi e del contributo di maternità per l’anno in corso.
Nota bene: Chi ha ottenuto la rateazione bimestrale verserà la sola quota competente ma, se non ha pagato i MAV di febbraio e aprile, deve saldare entro il 30 giugno anche le rate scadute per non incorrere in sanzione. Chi ha ottenuto la deroga al versamento del minimo soggettivo, deve la prima tranche del minimo integrativo + maternità.

30 settembre 2018: Versamento della seconda rata dei contributi minimi e del contributo di maternità per l’anno in corso.
Nota bene: Chi ha ottenuto la deroga al versamento del minimo soggettivo, deve la seconda tranche del minimo integrativo + maternità.

31 dicembre 2018: Versamento dell’ importo a  conguaglio contributivo (se dovuto) relativo all’anno precedente e versamento dell’eventuale contributo facoltativo.
Nota bene: Gli iscritti che risultano in regola con la posizione documentale e contributiva al 31 ottobre, possono richiedere la rateizzazione dell’importo.
Chi ha ottenuto la rateazione bimestrale dei contributi minimi verserà la sesta e ultima quota competente ma, se non ha pagato i MAV di agosto e ottobre, deve saldare entro il 31 dicembre anche le rate scadute per non incorrere in sanzione.

31 ottobre 2018: Invio telematico tramite Inarcassa ON line del Modello di dichiarazione del reddito professionale e del volume d’affari relativo all’anno precedente