Versione stampabile | pubblicato il 15 Maggio 2019

Valorizzazione dei Magredi, delle Risorgive e della Pianura pordenonese PSR FVG 2014-2020

OFFERTA FORMATIVA

Valorizzazione dei Magredi, delle Risorgive e della Pianura pordenonese PSR FVG 2014-2020

Lunedì 27 maggio 2019 ,  ore 20.30-22.30
Sala Degan, Biblioteca Civica – Piazza XX Settembre – Pordenone

La Strategia di cooperazione territoriale per la “Valorizzazione dell’ambiente, del territorio, delle produzioni, della multifunzionalità, delle aziende e dell’agricoltura sociale per l’ambito rurale dei Magredi, delle Risorgive e della Pianura Pordenonese”:
– 14 Comuni della Pianura pordenonese coinvolti, con capofila San Quirino
– 57 Partner pubblici e privati
– 3,9 mil eu circa di investimenti complessivi, in un percorso strategico intercomunale coordinato Valorizzazione dei Magredi, delle Risorgive e della Pianura pordenonese PSR FVG 2014-2020

Interventi:
Arch. Maurizio Trevisan
L’iniziativa si pone entro la Strategia di Specializzazione Intelligente S3 applicata dal PSR 2014- 2020 nella RAFVG per l’accesso ai fondi europei del FEASR. Essa mira (Ob1) a costruire un vantaggio competitivo adattando e specializzando i sistemi produttivi territoriali al rapido mutamento delle condizioni economiche. Intende tutelare l’ambiente (Ob2) per garantire equilibrio al territorio, evitando il degrado paesaggistico, mantenendo la biodiversità e gli ecosistemi. Intende (Ob3) attenuare gli effetti negativi che i cambiamenti climatici comportano sul territorio rurale. La strategia tende a costruire un rapporto tra urbanità e territori agricoli che superi i conflitti dei decenni scorsi, verso uno spazio rurale e urbano, coeso e integrato. L’innovazione della proposta strategica e della metodologia hanno consentito l’integrazione fra interventi pubblici di quelli privati: il percorso avviato ha messo insieme diversi interlocutori con occasioni di confronto e investimenti collettivi e intercomunali. Questo modello del “lavorare insieme” è il nuovo e necessario approccio per affrontare con successo tematiche e argomenti complessi, con lo scopo di favorire le ricadute di risorse dai vari programmi di finanziamento.

Arch. Moreno Baccichet
La politica territoriale espressa da aziende e amministrazioni comunali si appoggia a un processo di conoscenza delle trasformazioni dell’agricoltura nel territorio centrando la lettura delle stesse nel rapporto tra superfici, che nel tempo hanno cambiato modalità di utilizzo, e percorsi, che in molti casi si sono mantenuti. La campagna è sottoposta a continue trasformazioni. In realtà in molti casi il paesaggio antico resiste e mantiene segni di lungo periodo. Soprattutto nel suo rapporto con la viabilità storica la campagna e l’insediamento agricolo si sono confrontati con modalità di progressivo sviluppo. Per questo muoversi all’interno del territorio agricolo equivale a rileggere la storia nel tempo. Le antiche attiraglie bassomedievali, gli aridi percorsi altomedievali che conducevano ai guadi, il graticolato della centuriazione romana sono ancora elementi strutturanti nel disegno dell’agricoltura. Il progetto ha previsto di costruire la narrazione che permetta di riscoprire il territorio campestre.

Iscrizione tramite piattaforma iM@teria.
N. 2 a fronte della presenza del 100% dell’evento

Locandina